IL FUTURO DEL SERVIZIO IN MANO A 97 RSU ‘SCELTE’

 

VENERDÌ 2 MARZO ALLE ORE 11.00 UNA DELEGAZIONE NAZIONALE DI RSU HA FIRMATO, ALL’INSAPUTA DI TUTTI I LAVORATORI, L’IPOTESI DI ACCORDO SULLA NUOVA RIORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI POSTALI. SI E’ PRESENTATA IN VIALE EUROPA A ROMA SENZA IL BENCHÈ MINIMO CONFRONTO CON LA CATEGORIA MA COL MANDATO DEI VERTICI DELLE STESSE ORGANIZZAZIONI FIRMATARIE DELL’IPOTESI. SOTTO È RIPORTATO L’ELENCO DELLE 97 RSU, DECINE DELLE QUALI NON APPARTIENE AL RECAPITO O COMUNQUE NON LAVORA PIÙ DA ANNI (segretari provinciali e regionali), COMPLICI DI QUESTO SISTEMA ANTIDEMOCRATICO CHE VERRA’ ADOTTATO PER TUTTI GLI ACCORDI FUTURI.

non più rappresentanti dei lavoratori ma dei sindacati conniventi.

Invitiamo tutti i lavoratori a far sentire la propria voce e a delegittimare questi soggetti che stanno distruggendo il servizio riducendo l’occupazione, compromettendo la nostra stabilità, penalizzando i cittadini e svendendo un patrimonio pubblico come le poste.